1996-2006: Dal Palaroller alla finale di coppa - Roller Club Biasca

Logo RCB
Logo RCB
Fondazione RCB
Fondazione RCB
Roller Club Biasca – Curva EST
contattaci
Vai ai contenuti

1996-2006: Dal Palaroller alla finale di coppa

Storia
Sono gli anni del trasloco nella nuova casa: il Palaroller è il completamento di un’idea nata nei primi anni novanta. Fondamentali sono stati gli aiuti federali e cantonali concessi, la convenzione firmata con il Municipio e l’incondizionata abnegazione di quello sparuto gruppo di appassionati e appassionate, presidente e vice in testa, che hanno voluto dedicare buona parte del loro tempo libero per portare a termine quella miriade di piccoli e grandi lavori, che per motivi finanziari non potevano essere demandati a ditte esterne. Inaugurato in pompa magna nel settembre 1997, è diventato il cuore delle molteplici attività del RC Biasca, ma anche una struttura utilizzata e apprezzata per tutta una serie di attività sportive, ludiche e sociali.
Questi sono anche gli anni del difficile cambio generazionale: i mitici Edy Losa, Fabrizo Rè, Rolando Beretta, Fabio Losa e da ultimo Lory Losa sono sostituiti da un gruppetto di giovani talenti. Nonostante questa transizione difficile, la salvezza è raggiunta costantemente anche grazie all’innesto nell’ossatura biaschese di rinforzi di estro e di grido quali i campioni del mondo Bernardini e Colamaria, i funanbolici Tobares e Francazio, Arlone, e soprattutto l'irriducibile Tiziano Orso.
La stagione del 20°, apertasi con l’arrivo del nuovo allenatore Girolamo Lobasso, si conclude con la finale di Coppa svizzera persa contro il Thun 1-0 sul campo neutro di Montreux.
.







Roller Club Biasca – Curva EST
Contattaci
RCB
Torna ai contenuti