Roller Club Biasca by Elio Laffranchini

Vai ai contenuti

Menu principale:








22.04.2017

Play off: non riesce l’impresa al Biasca.

Il Biasca esce sconfitto dalla pista di Diessbach  e dalla corsa al titolo senza attenuanti contro una squadra che si è dimostrata superiore per qualità e condizione. Molte potrebbero essere le attenuanti da portare, un arbitraggio non all’altezza, gli infortuni, l’inesperienza, la sfortuna… Nello sport, normalmente, vince il migliore, chi sa sfruttare al meglio  le opportunità e ha dalla sua anche la fortuna o forse la consapevolezza della propria forza. Sabato il Biasca è sceso in pista poco  o per niente convinto delle sue possibilità e non è riuscito a giocarsi le sue carte, quasi rassegnato nel consegnare il passaggio del turno all’avversario. Il fattore casalingo, con la superficie della pista bernese difficile da interpretare, ha sicuramente influito,  la sola certezza è che sabato non c’è stata partita a differenza dell’incontro casalingo di gara 2. Dopo il vantaggio bernese il Biasca ha avuto la possibilità di pareggiare ma non ha saputo trasformare il rigore, al raddoppio bernese è seguita l’espulsione ingenua e evitabilissima di Vallina, la conseguente superiorità ha portato il vantaggio a tre reti e la partita è terminata. Peccato anche per la Curva Est che ha seguito e sostenuto per tutto l’incontro la sua squadra e che non ha certamente potuto assistere a una vera bella da play off. La stagione si chiude qui, una stagione condizionata dai numerosi infortuni  che ha però visto un Biasca protagonista e capace, nonostante le avversità, di  qualificarsi per i play off. Per il prossimo campionato il Biasca dovrà ricostruire una squadra attorno ai giovani provenienti dal vivaio con l’inserimento di alcuni rinforzi non facili da trovare quando il budget è praticamente impossibilitato a sostenere uscite appena superiori allo zero. La favola deve però continuare per i numerosi giovani talenti nostrani che scalpitano e che vogliono confrontarsi ai massimi livelli, e per poterlo fare serve una prima squadra forte e che serva da esempio.
Br.







Torna ai contenuti | Torna al menu